+ 1 (707) 877-4321
+ 33 977-198-888

Portfolio Kadjar Said

Portfolio Kadjar Said

"Kadjar-Oussmii Said Mirza nasce a Sanremo, Italia il 22 aprile 1949. Il padre era un principe persiano che veniva - insieme alla madre ed al fratello - a trascorrere periodi di vacanza in Sanremo, città della Riviera Ligure allora famosa per le frequentazioni della nobiltà di gran parte del mondo, soprattutto per le caratteristiche climatiche e le"

Documents
 Kadjar-Oussmii Said Mirza - Poesia & Fotografia - Sanremo - Italy   Sono le mie parole che generano le mie immagini, sono i miei pensieri che, attraverso le frasi, "intercettano" forme e colori, e argomenti, e le mie mani, docili, con i tasti del computer, realizzano . . . ogni volta, il primo a sorprendersi, sono io, ed è innocentemente meraviglioso . . .
Kadjar Said
Kadjar Said
Opere aggiunto il
Aggiunto 22 aprile 2015
Aggiunto 21 aprile 2015
Aggiunto 19 aprile 2015
Aggiunto 18 aprile 2015
Aggiunto 17 aprile 2015
Aggiunto 15 aprile 2015
Aggiunto 14 aprile 2015
Aggiunto 21 luglio 2014
Aggiunto 13 luglio 2014
Aggiunto 3 luglio 2014
.../...
Aggiunto 25 febbraio 2009
Aggiunto 2 gennaio 2009
Aggiunto 29 dicembre 2008
Aggiunto 28 dicembre 2008
Aggiunto 27 dicembre 2008
Aggiunto 20 dicembre 2008
Aggiunto 19 dicembre 2008
Aggiunto 18 dicembre 2008
Aggiunto 17 dicembre 2008
Aggiunto 16 dicembre 2008
Opere Media
Opere Argomenti
Opere Stile
Dimensioni
Opere da 1 a 25 (su 112 totale)


RICORDATI DI VIVERE

Sulle ali del tempo

L'ombra della libertà

Natura morta

Terra, acqua, fuoco, aria, luce

Guarda che ti guardo

Milano - Il Duomo

Ponte di Brooklyn

La rete

Riflessi sul fiume

Dove hai male, perché hai male?

L'isola fra i colori

Sanremo, sei: una foglia di palma

Sanremo - Santuario Madonna della costa

Senza fermarci più

Sognare ad occhi aperti

Cause I'm your lady

Sanremo, sei: fra le primule rosse

Un concerto di azzurro

Sanremo, sei: Il silenzio del cuore

Sanremo, sei: Nella voce di un'onda

Luce bianca

Camminando sull'aria

Cercami

Pietro



 Kadjar-Oussmii Said Mirza - Poesia & Fotografia - Sanremo - Italy
Sono le mie parole che generano le mie immagini, sono i miei pensieri che, attraverso le frasi, "intercettano" forme e colori, e argomenti, e le mie mani, docili, con i tasti del computer, realizzano . . . ogni volta, il primo a sorprendersi, sono io, ed è innocentemente meraviglioso . . .
[Page - Kadjar Said - 4Ko - 2014]


       
     

 

 

Kadjar-Oussmii Said Mirza nasce a Sanremo, Italia il 22 aprile 1949.

Il padre era un principe persiano che veniva - insieme alla madre ed al fratello -

a trascorrere periodi di vacanza in Sanremo, città della Riviera Ligure allora famosa per le 

frequentazioni della nobiltà di gran parte del mondo, soprattutto per le caratteristiche climatiche 

e le meraviglie della natura, che fra il mare e l'entroterra realizzava un fenomeno raro, per i colori,                                                                                                                          i profumi, la luce . . . Sanremo era - ed è - ancora conosciuta in tutto il mondo come "La città dei fiori".

 

La mamma di Said apparteneva ad una importante famiglia della zona, e tutto ha avuto inizio . . .

 

Said, cresciuto in un ambiente particolare, ove ognuno era appassionato di "arte"  - musica, pittura, letteratura, antiquariato, e tanto altro - ha fin da bambino espresso doti creative ed "eclettiche" in diversi campi: la poesia, soprattutto, e poi la musica, e le immagini . . . con la passione  per

i quadri, della fotografia, e frequentando gli ateliers di molti pittori,ha concretizzato 

concetti propri di espressione e di suggestione visiva, iniziando il suo viaggio

da giovane, per arrivare, col supporto delle attuali tecnologie, ad esprimersi

creando immagini che derivano per la gran parte dalle sue "percezioni"

emotive, trasformando cioè in elementi iconografici i suoi sentimenti

più profondi . . .  le sue espressioni poetiche prendono colori, 

forma, e significato  quando prima delle immagini le parole 

raccontano, e quando, senza le parole, i colori e le forme 

ripetono le emozioni in altri modi. 


 

Ecco una percezione del tramonto, ad esempio: 


   "Il cielo e il mare sono lì,

 e nei miei occhi c'è attenzione:

 colori dolci, caldi, è qui 

che già si forma una visione . . .

 

Sempre in novembre il rosso accende 

il cielo, e il mare, calmo, accetta 

il grande gioco, e accondiscende,

 cambia colore, senza fretta, 

ed io dipingo questo cielo 

come un pastello ammorbidito 

che va dal rosa tenue a un velo

 scuro di viola: è l'infinito . .       

 

                                                                                                                                                                                        KADJAR - OUSSMII SAID MIRZA

 

                                                                                                                                                                                                      SANREMO - ITALY

 

                                                                                                                                                                                                   

                                                  http://www.webalice.it/ottoinfilosofia

http://artscad.com/@/KadjarOussmiiSaid

                                                                                                                                                 

                                                                                                                                                                                                                                                                  

 

 

 

 

[Biography - Kadjar Said - 11Ko]








EMAIL- EMAIL- EMAIL- EMAIL- EMAIL- * A